it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Comprendere l'importanza della fisioterapia dopo le fratture

Comprendere l'importanza della fisioterapia dopo le fratture

Rompere un osso non sembra essere molto facile, ma per quanto incredibile possa sembrare, è abbastanza comune farlo almeno una volta nella vita. In questi casi, la più grande domanda è sempre su cosa fare, come fare e come il nostro corpo rimarrà dopo che ciò accadrà. Per questo motivo, l'articolo fornirà una panoramica sull'argomento, chiarendo anche l'importanza della fisioterapia, che è uno degli strumenti principali utilizzati per il recupero di una frattura.

Prima di tutto, capiamo l'osso. È composto da un sacco di cellule che si uniscono per formare la struttura rigida che conosciamo. È ricoperto da una membrana sottile, come se fosse avvolto, rendendolo ancora più resistente. A differenza della rigidità di una pietra, è compiacente, cioè può essere avvolto come un bambù (tornando nella posizione originale più tardi), ma in ampiezze molto più piccole. Inoltre, ha vasi sanguigni, tra cui alcune ossa come il femore (coscia) hanno al suo interno il midollo osseo, che è una delle principali fabbriche del nostro sangue. Cioè, rompere una struttura come questa ora sembra essere più seria di quanto tu stia pensando, non è vero?

Stai calmo. Pensa a quante persone conosci che non hanno ancora rotto niente. Giocare a palla, cadere giù per le scale, battere il dito su un pezzo di mobili, inchiodare il dito sulla porta, battere sulle costole, cadere con la mano piatta sul pavimento, cercare di afferrare una palla che arriva molto velocemente, tra molte storie e poche di loro si lamentano di dolori da fratture fino ad oggi. Se lasciamo riposare un osso rotto per settimane, si riparerà naturalmente, ricomponendo le cellule danneggiate, fino a formare un nuovo osso, con le stesse proprietà. Un buon esempio potrebbe essere la formazione di ghiaccio quando lasciamo l'acqua nel congelatore. La superficie crea un cono di ghiaccio e quindi anche l'interno si congela, ma qualsiasi movimento che facciamo romperà questa fase iniziale, tornando a zero. Per questo motivo l'orientamento è di evitare i movimenti nella posizione dell'osso fratturato.

Parliamo un po 'di più di queste fratture. Ce ne sono alcuni tipi: il più semplice è dove c'è una singola linea e le parti rotte non si separano, come se formassero una fessura, ma senza cambiare i contorni dell'osso. Un tipo leggermente più serio è molto simile, tuttavia, c'è un piccolo divario tra le parti. I più gravi sono quelli in cui, a parte una parte dell'altro, si verifica una deviazione tra di loro che crea disallineamenti nell'osso. Inoltre, vi è la possibilità di rompere un osso in due, tre o più parti, aumentando la gravità del problema, maggiore è il numero di queste parti. Ossa più lunghe e più lunghe sono più facili da spezzare in due parti, con deviazioni. Le ossa più lunghe e più corte richiedono un trauma molto maggiore alla frattura.

Il trattamento delle fratture dipenderà da ogni tipo di frattura. Nei casi più gravi, in cui le ossa si separano in frammenti o si scostano dall'asse, è necessario un intervento chirurgico per rimettere tutto in ordine, utilizzando barre di metallo, viti, fili metallici o persino elementi di fissaggio esterni, sotto forma di di mantenere le ossa in posizione, in modo che si consolidino in modo allineato. Ora, nei casi più lievi dove non c'è separazione o deviazione considerevole, il trattamento è conservativo (senza interventi chirurgici), con immobilizzazione (ortesi o gesso) dell'area interessata.

E dove entra la fisioterapia? Infine, arriverà dopo le procedure iniziali, quando il paziente viene rilasciato dal medico. Dopo un grave intervento chirurgico alla frattura, lavorerà per controllare il gonfiore (edema) e il dolore, con manovre di drenaggio linfatico e apparecchiature per analgesia. A causa della chirurgia e della fissazione ossea, alcuni movimenti possono essere eseguiti dal fisioterapista, come modo per migliorare la circolazione del sangue nella zona operata, facilitando la guarigione, preservando i movimenti e dando un maggiore comfort al paziente. Nei casi più semplici, in cui viene rilasciato l'uso di gesso o di rinforzo, la fisioterapia mira a recuperare tutte le funzioni della regione interessata. Ad esempio una persona che si è fratturata il gomito, dopo settimane di immobilizzazione avrà un'enorme difficoltà nello stiramento e nella piegatura del braccio, dalle aderenze all'articolazione del gomito e a causa della perdita di forza e del controllo dell'arto. In questi casi, il fisioterapista agirà utilizzando tecniche per sbloccare l'articolazione, riguadagnare il controllo e la forza muscolare e preparare la persona per i compiti che dovrà eseguire di nuovo.Molte persone non praticano la fisioterapia e non la perdono. Questo accade perché in molti casi la persona sta facendo i movimenti del quotidiano a poco a poco, fino a riguadagnare tutto il controllo normalmente. Questi sono casi in cui la terapia fisica accelererebbe solo il recupero. Ma questo non significa che ogni caso sarà così. Nella maggioranza, ci sono alcune adesioni che sono limitate a pochi movimenti, o la persona non può recuperare tutta la forza o ottiene un po 'di dolore in certi movimenti. Questi piccoli blocchi sono spesso trascurati, ma nel tempo generano compensazioni nel corpo che possono causare problemi solo dopo diversi anni dopo la frattura. Ad esempio, una persona che rompe la gamba rimarrà settimane con la sua immobilizzata, perdere la massa muscolare e cambiare la sua andatura.

Nel corso del tempo, senza che lei lo sappia, zoppicherà, compensando i movimenti, che possono generare dolore nella colonna vertebrale dopo diversi anni, anche se la gamba è al 100%. Ecco perché una valutazione professionale fa sempre la differenza. Nel caso del fisioterapista, è lui a riabilitare la persona, in modo che sia pronto per tutto ciò che intende fare in futuro (per quanto possibile), senza sovraccaricare il corpo. Il tempo di trattamento dipenderà dal modo in cui il corpo del paziente risponde. Nei casi più gravi possono essere necessari diversi mesi e nei casi più semplici, alcune settimane, ma con le linee guida che il paziente deve fare a casa, nell'intervallo tra le sessioni.

Infine, vale la pena ricordare che per una buona guarigione, è importante che tutti i professionisti coinvolti comunichino (principalmente medici e fisioterapisti) in modo che abbiano informazioni complete sul loro caso e che le possibilità di successo nel recupero siano maggiori. Pertanto, cerca sempre professionisti che siano a conoscenza del tuo problema o che siano indicati da persone di cui ti fidi.


Periodo fertile irregolare: impara come calcolare

Periodo fertile irregolare: impara come calcolare

Sapere come calcolare il periodo fertile è importante per entrambe le donne che desiderano una gravidanza e per coloro che vogliono evitare una gravidanza indesiderata. Per coloro che hanno il ciclo mestruale regolare fare questo calcolo è più facile. Tuttavia, per coloro con ciclo mestruale deregolamentato di conoscere il giorno esatto può essere un po 'più difficile, ma non impossibile.

(Salute)

Colonscopia ed endoscopia: È possibile effettuare le procedure insieme

Colonscopia ed endoscopia: È possibile effettuare le procedure insieme

Nel corso dell'inchiesta di malattie dell'apparato digerente sono spesso dato prove aggiuntive quali endoscopia digestiva e la colonscopia, che consentono di visualizzare la mucosa, raccogliere materiale per l'analisi e il trattamento di molti problemi. endoscopia può essere indicato per valutare dolori addominali, vomito, difficoltà o deglutizione dolorosa, malattia da reflusso gastroesofageo, la perdita di peso, alcune carenze di minerali e vitamine o prevenire il cancro.

(Salute)