it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Essere attenti alla restrizione della crescita fetale dei fattori di rischio

Essere attenti alla restrizione della crescita fetale dei fattori di rischio

la restrizione della crescita fetale, chiamato anche crescita intrauterino (IUGR) è il termine utilizzato per descrivere un feto che non ha raggiunto il suo potenziale di crescita a causa di fattori genetici o ambientali. Può essere causato da fattori fetali, placentari e / o materni, ma non siamo sempre in grado di eseguire tale identificazione. Questo termine non dovrebbe essere usato per descrivere un feto costituzionalmente piccolo che è sano.

Fattori fetali

1. Gli studi genetici - hanno rivelato che i fattori genetici influenzano tra il 30 e il 50% nella variazione del peso alla nascita. Il resto è dovuto a fattori ambientali. materna geni del peso alla nascita influenza più che i geni paterni, ma entrambi hanno la loro partecipazione.

Le donne che danno alla luce ad una crescita limitata del feto hanno più rischio che ciò accada in una futura gravidanza e il rischio aumenta il più a lungo il numero di bambini con una crescita limitata che ha.

la presenza di un'anomalia cromosomica di solito si traduce in restrizione della crescita fetale già all'inizio della gravidanza.

carenza nutrizionale gradi più leggeri hanno anche un effetto sul peso del bambino alla nascita .

anomalie cromosomiche associate alla crescita intrauterino includono trisomia 18 o 13, sindrome di Turner, tra gli altri.

2. La gestazione multipla - la crescita fetale in gestazioni multiple è direttamente correlata al numero di feti presenti e indipendentemente dal fatto che siano identici. Il peso inferiore dei feti di gravidanze multiple è dovuta alla incapacità ambientale per soddisfare le esigenze nutrizionali dei feti multipli, così come complicazioni nella gravidanza più comune nelle gravidanze multiple, ad esempio, la malnutrizione materna, preeclampsia e anomalie congenite.

3. Infezione - infezioni che si sviluppano nei primi mesi di gravidanza hanno un effetto maggiore sulla crescita del bambino, ma rappresentano meno del 5% di tutti i casi di restrizione della crescita fetale (RCF). Virus e parassiti, per esempio, la rosolia, toxoplasmosi, citomegalovirus, virus varicella-zoster, la malaria, la sifilide e l'herpes può avere accesso al feto attraverso la placenta o attraverso le membrane fetali intatte, danneggiando la crescita fetale una varietà di meccanismi, dalla morte cellulare per insufficienza vascolare.

abitanti alta quota soffrono anche di ipossiemia cronica e generare bambini con basso peso alla nascita.

fattori placentari

Molti casi di RCF, particolarmente ricorrenti, risultato della malattia placentare ischemica. Questo termine si riferisce ad un processo patologico placentare che si manifesta clinicamente come preeclampsia, restrizione della crescita fetale, placenta oppure una combinazione di tali disturbi. Tutti questi disturbi possono essere associati alla nascita pretermine o alla perdita del feto e rappresentano manifestazioni tardive di sviluppo placentare anormale

1. lesioni macroscopiche e istologiche - eventuali disallineamenti tra le esigenze nutrizionali o respiratoria fornitura fetale e placentare può causare crescita fetale alterata

fattori materni

1 .. Flusso sanguigno ridotto all'utero - può essere diminuito dallo sviluppo difettoso, dall'ostruzione o dalla rottura dei vasi utero-placentari. materna patologie quali ipertensione, insufficienza renale, diabete, malattie vascolari collagene, lupus eritematoso sistemico e la sindrome antifosfolipidi; e complicanze ostetriche, come la pre-eclampsia, riducono il soddisfacente apporto di sangue alla combo utero-placentare e danno luogo a RFL

2. Assunzione calorica alterata - Il peso pre-gestazionale e l'aumento di peso durante la gravidanza sono generalmente responsabili di circa il 10% della variazione del peso fetale. Tuttavia, una grave fame materna durante la gravidanza può avere un impatto importante sulla crescita fetale

Bambino prematuro -. Foto Getty Images

La popolazione olandese, per esempio, ha sofferto la fame durante l'inverno del 1944, rendendo l'apporto calorico caduta materna ad un valore compreso tra 450 e 750 kcal al giorno. Come risultato di questa privazione, il peso medio alla nascita infantile durante questo periodo è diminuito di 250 grammi. Allo stesso modo, a Leningrado durante la 2 ° guerra mondiale, i periodi di fame più lungo e più profondo (inferiore a 300 kcal) reso il peso medio dei bambini rientrano in più di 500 grammi.

carenza nutrizionale gradi più leggeri hanno anche effetto sul peso alla nascita. Le donne che sono sottopeso nei primi mesi di gravidanza o che hanno danneggiato l'aumento di peso durante la gravidanza sono a maggior rischio di dare alla luce un bambino di peso inferiore a 2.500 grammi.

Scarso assorbimento di nutrienti nelle donne in gravidanza con la malattia celiaca (intolleranza al glutine) è stata anche associata alla limitazione della crescita intrauterina.

Il fumo durante il terzo trimestre sembra avere un impatto maggiore sul peso alla nascita.

3. Ipossiemia? Ipossiemia (meno ossigeno ai tessuti) La materna cronica dovuta a malattie polmonari, malattie cardiache e anemia grave è associata ad una diminuzione della crescita fetale. Ad esempio, uno studio su 96 gravidanze di donne con cardiopatia congenita ha riportato che il peso medio alla nascita dei bambini a termine pieno era di soli 2.575 grammi, che è significativamente inferiore al peso alla nascita medio di 3.500 grammi nel I residenti ad alta quota soffrono anche di ipossiemia cronica e basso peso alla nascita.

4. Malattie ematologiche e immunologiche -

Le malattie ematologiche, come l'anemia falciforme, possono causare trombosi placentare. Le malattie autoimmuni possono causare infiammazione cronica della placenta e questo può causare malnutrizione fetale e ipossia. 5. Uso di droghe e fumo -

Il fumo, il consumo di alcol e l'uso di droghe illecite possono causare una restrizione della crescita intrauterina, sia da un effetto tossico diretto o indiretto da variabili correlate come un'alimentazione inadeguata. Fumare durante il terzo trimestre sembra avere un impatto maggiore sul peso alla nascita. Le donne che smettono di fumare nel terzo trimestre possono avere peso alla nascita simili a quelli dei non fumatori. Il consumo di caffeina può avere un piccolo effetto negativo sulla crescita fetale.

Numerosi studi hanno cercato di determinare la relazione tra la esposizione delle donne incinte al fumo di tabacco ambientale e al fumo passivo con il peso alla nascita del bambino. I risultati erano discordanti, sebbene la maggior parte mostri un aumento del rischio di basso peso nelle donne con fumo passivo. Questi studi sono limitati dalla difficoltà di quantificare accuratamente l'esposizione materna e di adattarsi a molteplici fattori che influiscono sul peso alla nascita.

6. Tossine -

Le sostanze tossiche, inclusi vari medicinali, come gli anticonvulsivanti e gli antineoplastici, possono produrre una restrizione della crescita. Non è chiaro se la restrizione della crescita nelle donne ipertese è solo un risultato di malattia o in parte, un effetto collaterale di farmaci antipertensivi. consumo di caffeina può avere un piccolo effetto negativo sulla crescita del feto.

7. Tecnologie di riproduzione assistita

- La gravidanza progettata mediante tecnologie di riproduzione assistita aumenta il rischio di un basso peso fetale 8. Altri -

restrizione della crescita è più comune tra gli estremi gravidanza della vita riproduttiva, per cui gli adolescenti e le donne oltre 40 stress materno cronico può anche essere un fattore ed è un'area attiva di ricerca .. Lo stress cronico è associato ad alti livelli di ormoni che, a loro volta, possono essere associati a una ridotta crescita fetale e al parto prematuro.In alcuni casi, la ragione per limitare la crescita fetale, spesso grave, è ancora incerta. Ma una buona assistenza prenatale può portare la madre e il bambino a raggiungere la fine di una gravidanza sana.


I gemelli siamesi provano le stesse emozioni e sfidano la medicina

I gemelli siamesi provano le stesse emozioni e sfidano la medicina

11 Anni, i gemelli Tatiana e Krista Hogan condividono lo stesso cervello e la stessa testa. . Nato nei giorni 25 ottobre 2006, le ragazze hanno contestato la diagnosi medica che ha predetto che essi non sarebbero sopravvissuti uno giorno Per raccontare questa storia emozionante è stato prodotto un documentario intitolato "Inseparabili: Dieci anni Registrato in testa", visualizzato su CBC-TV.

(Famiglia)

I bambini più grandi sono piloti peggiori dei fratelli più piccoli

I bambini più grandi sono piloti peggiori dei fratelli più piccoli

Chi pensa che i primogeniti siano sempre i più la famiglia sarà sorpresa da questa notizia. Lo studio è stato condotto da Privilege Car Insurance con 1395 conducenti e ha rivelato che l'89% dei primogeniti supera i limiti di velocità, il 35% è già stato multato e il 47% ha l'abitudine di tagliare altri conducenti durante la guida.

(Famiglia)