it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Plum regola il transito intestinale e previene il diabete

Plum regola il transito intestinale e previene il diabete

La domestica Prunus, popolarmente noto come prugna, ha poche decine di varietà, è un frutto dolce e succoso e può essere consumato fresco o disidratato. A seconda del tipo, avrà un profilo nutrizionale diversificato. Plum regola la funzione intestinale, aiuta nella prevenzione del diabete e delle malattie cardiovascolari, hanno un alto potere antiossidante e migliora la densità ossea.

frutto nutriente

Entrambe le versioni, freschi e secchi, hanno alta densità nutrizionale e sono ricchi in composti fenolici (185 mg / 100 g di prugna secca) con azione antiossidante, come acido clorogenico e antocianidina, il pigmento che conferisce il colore violaceo del frutto. Prugne sono anche fonti di fibre solubili e insolubili, che contribuiscono ad una serie di effetti benefici nel corpo.

Una susina fresco, con solo 25 calorie, ha un ottimo contenuto di vitamina C (unità contiene il 10% del fabbisogno giornaliero di base ? RDA), vitamina a e potassio, un minerale che aiuta a controllare la pressione sanguigna.

è prugna è disidratata e così è più dolce e più concentrato di zuccheri semplici (cinque unità producono 120 calorie), ma ha un basso carico glicemico e non causa un rapido aumento dei livelli di zucchero nel sangue, probabilmente a causa del suo alto contenuto di fibre (4 grammi in 5 unità), fruttosio e sorbitolo. E 'una buona fonte di vitamina A, complesso B e contiene un sacco di vitamina K (40% RDA), boro, calcio, potassio e magnesio.

attività antiossidante

Plum (fresca e secca) è stata oggetto di diverse ricerche per il suo alto contenuto di fitonutrienti come il neoclorogeno e l'acido clorogenico, che fanno parte del gruppo dei polifenoli. La loro attività antiossidante è ben documentato: i due acidi neutralizzare un radicale libero molto dannose per l'organismo, superossido, che ossida tessuto adiposo, e quindi questi fenoli aiutare proteggere le membrane cellulari (tutte le cellule del corpo!) Che sono composti da grasso. L'azione antiossidante è esaltata dalla generosa presenza di vitamina C, vitamina A e Antocianidina il frutto.

Protegge contro l'osteoporosi

Uno studio clinico pubblicato su Aging Research Review (2009) suggeriscono che le prugne secche possono essere in grado di invertire osteoporosi nelle donne in postmenopausa. Nello studio, le donne che hanno consumato 100 grammi di prugne (10 unità) al giorno hanno avuto un miglioramento nei marcatori di formazione ossea dopo soli tre mesi rispetto al gruppo di controllo. Un altro studio fatto nel 2011 e pubblicato sul British Journal of Nutrition ha raggiunto un risultato simile, confermato dal miglioramento della densità ossea nell'esame densitometrico. Questo effetto benefico sulla salute delle ossa può essere associato con la sua alta concentrazione di boro e vitamina K, insieme con il calcio, tre elementi nutritivi direttamente collegata alla formazione di nuovo osso, impedendo in tal modo il verificarsi di osteopenia e osteoporosi.

Controlli di glucosio nel sangue e Appetito

Ricco di fibra solubile in prugna aiuta a normalizzare i livelli di zucchero nel sangue perché rallenta l'assorbimento del glucosio (presente nei carboidrati) dopo un pasto. La fibra solubile aumenta anche la sensibilità all'insulina e quindi può svolgere un ruolo utile nella prevenzione e nel trattamento del diabete di tipo 2. Inoltre, la fibra promuove la sazietà, allora susina è un ottimo snack o dessert per chi perdere peso perché ti manterrà affamato più a lungo rallentando il tempo di svuotamento gastrico.

Regola l'intestino

La prugna è nota per la sua capacità di prevenire la stipsi. La fibra solubile del frutto aiuta ad aumentare il volume e diminuire il tempo di transito della materia fecale attraverso l'intestino, che agirà come un orologio, riducendo così il rischio di cancro al colon ed emorroidi. La fibra insolubile della prugna alimenta i batteri benefici presenti nell'intestino crasso, che fermentano la fibra, con conseguente produzione di acido butirrico. Questo acido grasso agisce come combustibile primario per le cellule intestinali e contribuisce a mantenere sano il colon. Oltre alle fibre, la prugna contiene sorbitolo, un lassativo naturale che aiuta a trattenere l'acqua ammorbidendo le feci.Controindicazioni

Le prugne secche contengono ossalato (11 mg in 5 unità), che può essere un problema per coloro che formano calcoli renali (l'80% di essi sono cristalli di ossalato di calcio). Quando c'è troppa concentrazione di ossalato nei fluidi corporei, può cristallizzare, causando la formazione di calcoli nei reni e nella cistifellea.

Quanto e come mangiare

La quantità indicata è da 1 a 2 prugne fresche al giorno, se è di grandi dimensioni. Se sono piccoli, la porzione aumenta da 3 a 4 unità.

Le prugne sono versatili, possono essere consumate nel naturale, o entrare nella preparazione di succhi e vitamine, nella macedonia, nella preparazione di marmellate, mousse e gelatine. Sono i benvenuti in ogni pasto della giornata, a colazione, negli snack e come dessert sano dopo i pasti principali.


Dieta ed esercizio fisico: la squadra imbattibile per perdere peso

Dieta ed esercizio fisico: la squadra imbattibile per perdere peso

Un sondaggio del Ministero della Salute, pubblicato lunedì (18), ha mostrato che solo il 14,9% degli adulti è attivo nel loro tempo libero, con una percentuale maggiore negli uomini (18,6%) rispetto alle donne (11,7%). Accoppiato con lo stile di vita sedentario della maggior parte dei brasiliani, quasi la metà della popolazione adulta (48,1%) sono in sovrappeso e il 15% sono obesi.

(Cibo)

Mangiare più pasti fatti in casa riduce il rischio di diabete di tipo 2

Mangiare più pasti fatti in casa riduce il rischio di diabete di tipo 2

Le persone che mangiano circa 11-14 pasti in casa (pranzo o cena) a settimana sono meno probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2, rispetto a coloro che mangiavano meno di sei pranzi al 13% o cene fatte in casa a settimana. I ricercatori hanno analizzato circa 58.000 donne e oltre 41.000 uomini in uno studio durato 36 anni, dal 1986 al 2012.

(Cibo)