it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Sono stati segnalati nuovi casi di microcefalia e malformazioni causate dal virus zika.

Sono stati segnalati nuovi casi di microcefalia e malformazioni causate dal virus zika.

Secondo prodessor Marcos Boulos, ex direttore della Scuola di Medicina dell'Università di São Paulo e Ingegnere Controllo delle Malattie la Segreteria della Salute di San Paolo, in Brasile vive attualmente la più grande epidemia mai registrata in tutto il mondo dal virus Zika, come ha dichiarato in un'intervista al programma di spazio pubblico, la TV Brasile.

dello stato di Pernambuco, il primo a identificare aumento di microcefalia, continua con il più alto numero di casi sospetti (1.236), che rappresenta il 35% del totale registrato nell'intero paese. Poi ci sono gli stati di Paraíba (569), Bahia (450), Ceará (192), Rio Grande do Norte (181), Sergipe (155), Alagoas (149), Mato Grosso (129) e Rio de Janeiro ( La newsletter porta anche i risultati delle indagini di laboratorio su quattro casi di decessi, avvenuti a Rio Grande do Norte, con malformazioni congenite, che avevano una relazione con il virus zika confermato. Questi casi sono stati oggetto di indagine da parte del controllo e gli Stati Uniti la prevenzione delle malattie Center (CDC), che ha inviato i risultati al Ministero della Salute.

Due di questi casi sono aborti spontanei e due neonati a termine (37-42 settimane gestazione) che morì entro le prime 24 ore di vita. I campioni erano positivi nel test di laboratorio della PCR per il virus Zika. Inoltre, campioni di tessuto di entrambi i neonati sono risultati positivi al test immunoistochimica, condotto dal CDC.

Secondo gli esami clinici ed epidemiologici effettuati in precedenza dalla Università Federale di Rio Grande do Norte (UFRN), tutti e quattro le donne incinte si sono presentate con febbre e eruzioni cutanee (vermiglio dal corpo) durante la gravidanza. Questi risultati si aggiungono alle altre prove ottenute nel 2015 e rafforzano l'ipotesi di una relazione tra l'infezione da virus zika e l'insorgenza di microcefalia e altre malformazioni congenite. Tuttavia, il Ministero rafforza la necessità di ulteriori indagini e ricerche di cambiare il numero di microcefalias e altri difetti dovuti a processi infettivi.

Diagnostica Zika virus e cura

Attualmente, la circolazione di Zika è confermata da Mezzo di test PCR, con tecnologia di biologia molecolare. Dalla conferma in una località particolare, le altre diagnosi sono fatte clinico, per la valutazione medica dei sintomi.

Ad oggi, sono con la circolazione indigena di virus Zika 20 unità della federazione. Essi sono: Distretto Federale, Mato Grosso do Sul, Roraima, Amazonas, Pará, Rondônia, Mato Grosso, Tocantins, Maranhão, Piauí, Ceará, Rio Grande do Norte, Paraiba, Pernambuco, Alagoas, Bahia, Espírito Santo, Rio de Janeiro, Sao Paulo e Paraná.

del Ministero della Salute consiglia alle donne in gravidanza di adottare misure per ridurre la presenza di zanzare portatrici di malattie di trasmissione eliminando i siti di riproduzione, e proteggersi dall'esposizione di zanzara, tenendo porte e finestre chiuse o e utilizzare i repellenti per le donne incinte.

Testo con informazioni di Agência Saúde e Agência Brasil


La malattia parodontale e l'Alzheimer possono essere interconnessi

La malattia parodontale e l'Alzheimer possono essere interconnessi

Le persone con un deficit o malattia parodontale igiene orale possono essere ad aumentato rischio di sviluppare la malattia di Alzheimer, secondo uno studio pubblicato online sul Journal of Alzheimer il 10 maggio Ricercatori Facoltà di Medicina e Odontoiatria presso l'University of Central Lancashire (UCLan) in Inghilterra, guidata dal Dott.

(Salute)

Smettere di fumare prima del 30 riduce il rischio di morte prematura del 97%

Smettere di fumare prima del 30 riduce il rischio di morte prematura del 97%

Quella sigaretta è dannosa per la salute, tutti lo sanno. Anche così, abbandonare la dipendenza è fuori dai piani della maggior parte dei tossicodipendenti, dal momento che i riflessi di cattiva abitudine di solito non appaiono immediatamente. Tuttavia, uno studio pubblicato il 27 ottobre nella versione online della rivista The Lancet può cambiare questo punto di vista, almeno tra le donne.

(Salute)