it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Le nuove regole hanno lasciato il più semplice riproduzione assistita

Le nuove regole hanno lasciato il più semplice riproduzione assistita

vorrei affrontare in questo articolo un tema che sarà utile per molte coppie che cercano di avere un figlio attraverso la riproduzione assistita. Il Consiglio federale di medicina (CFM) ha approvato a gennaio di quest'anno le modifiche delle regole di riproduzione assistita alla luce dei progressi scientifici, dell'aumento della domanda di tecniche e dei cambiamenti nel comportamento sociale. Fine della gravidanza è dovuto alla crescita delle donne nel mercato del lavoro e la possibilità di coppie ad avere figli sempre più tardi.

Uno dei punti forti è l'autorizzazione per eseguire procedure con materiale biologico crioconservato (memorizzati in condizioni di bassissima temperature) dopo la morte di uno dei genitori, a condizione che ci sia un'autorizzazione preventiva per l'uso di gameti o embrioni congelati. Preferibilmente, con registro nel registro. Prima era molto difficile ottenere il permesso di utilizzare materiale biologico da una persona che era morto.

Le nuove regole hanno aiutato coppie dello stesso sesso e persone singole a ricorrere a questi metodi di rimanere incinta

Oltre al permesso della procedura dopo la morte, la possibilità che più persone beneficino delle tecniche è un punto culminante delle nuove regole, poiché è ormai chiaro che le coppie dello stesso sesso e le persone single possono usare questi metodi per rimanere incinte senza passare attraverso tutta la burocrazia e le leggi che ritardato l'intero processo legale e scoraggiato la coppia che cercava di avere un figlio.

Nel caso di coppie omosessuali femminili, è necessario che lo sperma si ottenga donando su una banca del seme. E nel caso delle coppie omosessuali maschili, è necessario ottenere un uovo donatore sconosciuto. E la gravidanza ( "surrogato") deve avvenire nel rispetto utero nei pressi di un paio di membri :. sorella o madre

Un altro cambiamento è quella che limita il numero di embrioni da impiantare in un momento. La raccomandazione dipenderà dall'età del paziente e non può superare le quattro. Il testo afferma che le donne fino a 35 anni possono impiantare fino a due embrioni; da 36 a 39 anni, fino a tre; sopra 40, quattro. L'idea è quella di prevenire i casi di gravidanze multiple, che aumentano le probabilità di parto prematuro, così come un aumento del rischio di ipertensione, diabete gestazionale e complicazioni durante il parto.

rimangono in Medicina delle linee guida etiche Risoluzione del Consiglio federale, come ad esempio il divieto di le tecniche di riproduzione sono applicate con l'intenzione di selezionare il sesso o qualsiasi caratteristica biologica del futuro bambino. La risoluzione rafforza anche la proibizione della riduzione embrionale (impiantando e poi rimuovendo parte dell'embrione dall'utero), così come la donazione di ovociti o spermatozoi o dell'utero su base commerciale.


Douglas perso 23 kg:

Douglas perso 23 kg: "La mia autostima solo aggiunto"

Douglas Pereira Santos, 31 anni, già ha avuto una storia di diabete, ipertensione e colesterolo alto in famiglia. E anche se non aveva nessuno di questi problemi, sapeva che essere in sovrappeso poteva scatenare queste malattie. Ma fu il ginocchio a dare i primi segni di usura. A causa del sedentarismo, i dolori erano costanti e le consultazioni con gli ortopedici, frequenti.

(Cibo)

Evitare digiuni prolungati evita l'ipoglicemia

Evitare digiuni prolungati evita l'ipoglicemia

Sintomi come vertigini, sudore freddo, sensazione di svenimento, nausea cominciano ad apparire da un momento all'altro. Un terribile sensazione di malessere, spesso confusa con la caduta della pressione sanguigna, ma in realtà è un'ipoglicemia. Questi sintomi compaiono solitamente dopo lunghe ore di digiuno, in alcuni casi, subito dopo aver mangiato i dolci o carboidrati ad alto indice e carico glicemico, l'uso di farmaci specifici, l'attività fisica intensa nelle persone che hanno subito la chirurgia bariatrica o che sono sullo sviluppo di insulino-resistenza.

(Cibo)