it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Il risultato ha portato alla diminuzione delle proteine ​​del canale HCN, che è associata al comportamento depressivo.

Il risultato ha portato alla diminuzione delle proteine ​​del canale HCN, che è associata al comportamento depressivo.

Depressione refrattaria

Nella maggior parte dei casi, il trattamento per la depressione richiede non solo la terapia, ma anche l'uso di farmaci, che aiutano nel miglioramento più rapido del paziente. Ci sono, tuttavia, quelle persone che non possono curare completamente il problema, continuano ad avere sintomi anche con il trattamento molto ben fatto - queste persone hanno la cosiddetta depressione refrattaria. "Per definizione, la depressione refrattaria si verifica quando il paziente Non risponde come previsto dopo essere stato trattato con almeno due farmaci di classi diverse utilizzati in una dose efficace per un tempo adeguato ", afferma lo psichiatra Kalil Duailibi, di San Paolo. "È quando la persona non è migliorata nonostante abbia fatto tutto bene", aggiunge. Fai le tue domande sulla depressione refrattaria e capisci il trattamento migliore in questi casi


Malattie ereditarie possono essere invertiti e non manifestano

Malattie ereditarie possono essere invertiti e non manifestano

Malattie ereditarie :. sono cornici in cui un patrimonio genetico trasmesso tra le generazioni e che si manifesterà a un certo punto nella vita. Tutti conosciamo famiglie con più membri con diabete o obesità, con ipertensione o allergie. La malattia fa parte della genetica familiare e in questo caso è una malattia ereditaria.

(Salute)

L'asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree. Il polmone dell'asma è diverso da un polmone sano, come se i suoi bronchi fossero più sensibili e infiammati - reagendo al minimo segno di irritazione. Attualmente la malattia colpisce già oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo.

L'asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie aeree. Il polmone dell'asma è diverso da un polmone sano, come se i suoi bronchi fossero più sensibili e infiammati - reagendo al minimo segno di irritazione. Attualmente la malattia colpisce già oltre 300 milioni di persone in tutto il mondo.

La maggior parte dei partecipanti ha avuto asma da lieve a moderata e un gruppo minore ha avuto asma grave. L'autore dello studio, il professor Adrian Martineau della Queen Mary University di Londra, ha dichiarato: "Abbiamo trovato che prendere un supplemento di vitamina D riduce significativamente il rischio di gravi attacchi di asma senza causare effetti collaterali.

(Salute)