it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Il nuovo farmaco test può inibire la proteina di Alzheimer

Il nuovo farmaco test può inibire la proteina di Alzheimer

In un sondaggio condotto dal È stato scoperto un nuovo farmaco che potrebbe inibire le placche senili nel cervello che potrebbero portare all'Alzheimer. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista " Science Translational Medicine ."

Il grande accumulo di proteina beta-amiloide è noto per essere uno dei fattori che portano alla malattia, creando placche nel cervello. Il nuovo farmaco, chiamato verubecestat, lavora per ridurre queste placche, agendo direttamente sull'enzima BACE1, responsabile della comparsa di beta-amiloide.Test preliminari, eseguiti con 32 pazienti, hanno mostrato una riduzione fino all'80% nei livelli di questa proteina. Questa non è la prima volta che hanno provato a creare un farmaco con questa funzione, ma finora tutti i farmaci creati hanno avuto gravi effetti avversi sui pazienti.

Per la prima volta un farmaco inibitore BACE1 orale è stato autorizzato per una nuova fase coinvolgendo molti pazienti: circa 3.500. La fase 3 della ricerca dovrebbe essere completata entro luglio 2017 e, se i risultati rimangono soddisfacenti, la pillola può essere commercializzata entro tre anni.


I 10 peggiori abitudini che rovinano i denti

I 10 peggiori abitudini che rovinano i denti

Prendersi cura della propria salute orale va ben oltre la pulizia giornaliera raccomandata dai dentisti. Oltre a dedicare tempo e fatica per l'attività, soprattutto dopo i pasti, è necessario tenere un occhio su alcune abitudini di tutti i giorni che danneggiano i denti, ma passano inosservati in molte occasioni.

(Salute)

Zika virus: lesioni agli occhi nei bambini preoccupa gli esperti

Zika virus: lesioni agli occhi nei bambini preoccupa gli esperti

Un gruppo di ricercatori brasiliani sta studiando la possibile relazione tra il virus Zika e i problemi oculari nei neonati. è stato recentemente scoperto che i bambini con diagnosi di microcefalia possono avere problemi con la retina e il nervo ottico. Lo studio, tuttavia, solleva l'ipotesi che i problemi non sono necessariamente limitati ai bambini con microcefalia, ma tutte le cui madri potrebbe aver avuto contatto con il virus Zika.

(Salute)