it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

National Asthma Day: le ospedalizzazioni riducono il 51% in dieci anni

National Asthma Day: le ospedalizzazioni riducono il 51% in dieci anni

Il 21 giugno, oltre ad essere il primo giorno dell'inverno in Brasile, è il National Asthma Control Day. Secondo il Ministero della Salute, il Brasile presenta progressi nella cura dei pazienti asmatici a cui partecipa l'Unified Health System (SUS). Il numero di ricoveri nella rete sanitaria pubblica è diminuito del 51% negli ultimi 10 anni: è diminuito da 397.333 nel 2000 a 192.601 nel 2010. La diminuzione è dovuta, tra l'altro, all'espansione dell'accesso ai farmaci da parte di SUS e al lavoro dei professionisti della Family Health Strategy, focalizzata sulla prevenzione e azioni di promozione della salute.

L'asma è una malattia respiratoria che non ha cura, ma se controllata, l'asmatico può condurre una vita normale basata sui farmaci farmaci anti-infiammatori e broncodilatatori, che sono sostanze farmacologicamente attive - promuovendo la dilatazione bronchiale - e popolarmente conosciuti come "bombinhas". Il clima freddo e secco di questa stagione favorisce la diffusione della malattia, che può portare a attacchi respiratori e aumentare la richiesta di cure di emergenza.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rileva che circa 150 milioni di persone in soffre di malattia Di questo totale, il 60% sono bambini. In questa classifica, il Brasile occupa l'8 ° posto nel numero di asmatici, responsabile di circa 2,2 milioni di visite al pediatra all'anno. La malattia raggiunge il 10% della popolazione brasiliana ed è responsabile di 400 mila ricoveri e 2 mila morti all'anno, secondo l'Associazione brasiliana di allergia e immunopatologia (Asbai).

Secondo il pneumologo Carlos Carvalho, c'è un aumento di circa il 30% nel numero di casi frequentati all'ospedale in questo periodo dell'anno. "Il clima secco, le particelle di fumo, i gas irritanti, le sostanze chimiche e i potenziali allergeni nell'atmosfera aggravano le crisi asmatiche", afferma.

Inoltre, spiega che l'inverno è un periodo difficile per vari tipi di problemi respiratori, compresa l'asma, soprattutto quando l'umidità relativa dell'aria è inferiore al 40%. "In inverno, ci sono un certo numero di aggravamenti che aumentano gli attacchi di asma: evitare l'esposizione a freddo, tempo secco con bassa umidità relativa aiuta a ridurre l'incidenza degli attacchi d'asma durante questo periodo."

Oltre agli allergeni , lo stress sul lavoro può aumentare le probabilità di sviluppare l'asma fino al 40%, secondo una ricerca dell'Università di Heidelberg in Germania. I ricercatori sono giunti a questa conclusione attraverso il follow-up a otto anni di oltre 5.000 persone di età compresa tra 40 e 65 anni.

Lotta contro l'asma

In un sondaggio appena completato dalla Johns Hopkins School of Medicine, negli Stati Uniti, i medici hanno scoperto che il consumo di folati allevia i sintomi delle allergie respiratorie. E l'arancia è una grande fonte di questa vitamina, che si trova anche nelle foglie verde scuro, nelle carote e nei cereali. I ricercatori hanno anche notato che le allergie cutanee diminuiscono con il consumo regolare di folati.

Oltre al consumo di alcuni frutti, l'esercizio fisico aiuta anche a combattere l'asma. Uno studio condotto dall'ospedale das Clínicas, Facoltà di Medicina dell'Università di San Paolo (USP), ha rilevato che praticare attività fisica riduce i sintomi dell'asma fino al 60%.


L'assunzione di grassi moderati è migliore della dieta ricca di carboidrati, dice la ricerca

L'assunzione di grassi moderati è migliore della dieta ricca di carboidrati, dice la ricerca

Per lungo tempo la scienza ci ha portato a credere che il consumo di carboidrati sia migliore per l'organismo rispetto all'assunzione di grassi. Fin qui tutto bene. Tuttavia, un'indagine su oltre 135.000 persone nei cinque continenti ha dimostrato che una dieta che include un moderato apporto di grassi, frutta e verdura e riduce il consumo di carboidrati può portare ad un minor rischio di morte.

(Salute)

La giovane donna che ha ispirato

La giovane donna che ha ispirato "La colpa è delle stelle" muore 5 giorni dopo il marito

Il giovane Dalton Prager, 25 anni, è morto sabato (17) a causa di un'infezione causata dalla fibrosi cistica. Ha ispirato la storia del libro di John Green "The Guilt Is of the Stars". La cosa scioccante è che lo scorso giovedì (22), cinque giorni dopo Dalton, sua moglie Katie Prager è morta all'età di 26 anni a causa della stessa malattia e delle complicazioni di un trapianto di polmone.

(Salute)