it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Le preferenze musicali possono essere collegate al nostro modo di pensare, dice studio

Le preferenze musicali possono essere collegate al nostro modo di pensare, dice studio

Ti sei mai chiesto perché abbiamo gusti musicali specifici o perché ti piace un genere musicale e un altro no? Si sa poco dei fattori che possono influenzare i nostri gusti, ma il fatto è che bastano pochi secondi per sapere quando vogliamo ascoltare una canzone o quando preferiamo saltare alla traccia successiva. Gli studiosi dell'Università di Cambridge, in Inghilterra, hanno deciso di indagare ulteriormente su questo argomento e hanno fatto una scoperta piuttosto insolita sui brani che abbiamo ascoltato.

Secondo lo studio, pubblicato sul sito della rivista scientifica PLOS One a luglio, le nostre preferenze musicali sono direttamente correlate alla nostra personalità e al nostro modo di pensare. Per raggiungere questa conclusione, i ricercatori hanno raccolto dati da circa 4.000 persone, che sono state reclutate attraverso i social network. Nella prima fase, hanno risposto a un questionario preparato per gli scienziati a capire come il pensiero e hanno reagito ciascuno dei partecipanti al secondo, hanno sentito 50 canzoni da 26 diversi generi e sottogeneri, e il terzo valutate ogni. I ricercatori hanno poi analizzato le informazioni raccolte e hanno scoperto che esiste una forte relazione tra il profilo psicologico tracciato attraverso il questionario e le valutazioni individuali date ai brani.

Se una persona ha il cosiddetto "cervello empatico" la capacità di riconoscere e reagire ai pensieri e ai sentimenti degli altri, tenderà a preferire generi come R & B, soul e country. Già se lei ha quello che chiamiamo un "cervello sistematico", legato alla capacità di comprendere regole e sistemi, preferirà heavy metal, punk e altri stili simili.

I ricercatori hanno anche scoperto che le persone più empatiche tendono a preferire più canzoni calmo, con testi tristi e malinconici o anche più poetici. Coloro che sono più sistematici tendono a preferire generi più animati e intensi, con testi forti e più divertenti.

Gli studiosi ritengono che questa ricerca possa avere ripercussioni anche nell'industria musicale. Secondo David Greenberg, autore principale dello studio, grande musica servizio di streaming come Spotify e Apple Musica, investire un sacco di soldi per trovare nuovi e diversi modi di conoscere che la musica i suoi membri vorrebbero sentire. "Con studi come questo in mano, con cui è possibile tracciare il pensiero delle persone, identificare i possibili gusti musicali sarà molto più semplice e pratico", ha detto in una conferenza stampa.


Il modo in cui pensi può determinare il tuo successo al momento del dimagrimento

Il modo in cui pensi può determinare il tuo successo al momento del dimagrimento

Se una persona crede che il suo peso non sia determinato dalle loro abitudini alimentari ed esercizi, cioè dal loro controllo, è più probabile che aumenti di peso quello che non la pensa così, è indicato da uno studio pubblicato sulla rivista Educazione e comportamento sulla salute . Secondo gli autori, coloro che credono che la perdita di peso sia al di fuori del loro controllo ha tendenza a favorire azioni che portino una ricompensa a breve termine, come l'assunzione di cibi malsani e l'esercizio fisico, piuttosto che impegnarsi in attività che porterebbero benefici a lungo termine, come la perdita di peso o il controllo del peso.

(Benessere)

Sapere come valutare le piccole e grandi vittorie

Sapere come valutare le piccole e grandi vittorie

Il fatto è che ho capito la frase, anche se è stata detta in modo sgradevole. In realtà sono sempre d'accordo con lei, dopotutto dobbiamo avere la pazienza di vivere bene. Tutti lo sanno, ma noi mordiamo con rabbia su di esso. Chi non ha mai voluto saltare in tempo, fare un salto e, come se nella magia, vedere una vita diversa?

(Benessere)