it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Ministero della Salute nega rapporto tra microcefalia e della rosolia

Ministero della Salute nega rapporto tra microcefalia e della rosolia

Da qualche giorno viene diffuso sui social network la storia che i casi di microcefalia nel nord-est non sono correlate al virus Zika, ma a un lotto scaduta di vaccini per la rosolia. Il Ministero della Salute, tuttavia, ha riferito che questa affermazione non è altro che un rumor senza fondamento.

Nella sua dichiarazione ufficiale affermano che "tutti i vaccini offerti dal programma di immunizzazione nazionale (PIN) sono sicuri e non ci sono prove nella letteratura nazionale e internazionale che possono causare microcefalia ". L'agenzia sottolinea anche che non ci sono rapporti del rapporto tra la malattia che ha colpito i bambini durante la gravidanza e la vaccinazione.

L'aumento improvviso del numero di casi di microcefalia, una condizione neurologica rara identificata generalmente nella fase della gravidanza, ha avvertito le autorità mediche brasiliane. Secondo il Ministero della Salute, mentre tra il 2010 e il 2014 sono stati registrati un totale di 781 casi in tutto il paese durante il 2015 ci sono stati 1.761 casi di microcefalia in 422 comuni in Brasile, secondo il bollettino epidemiologico pubblicato il 08 dicembre .

La microcefalia è una rara condizione neurologica in cui la testa della persona è significativamente più piccola di quella di altre persone della stessa età o sesso. Questa crescita anormale del cervello può verificarsi nell'utero o durante l'infanzia.

È anche importante sottolineare che la rosolia è una malattia pericolosa durante la gravidanza, essendo una delle maggiori cause di cecità infantile. Inoltre, il Ministero della Salute ha riconosciuto ufficialmente il rapporto tra i nuovi casi di microcefalia con il virus Zika

Quello che segue è il comunicato ufficiale del Ministero della Salute sul rapporto tra i casi di microcefalia e vaccinazione contro la rosolia .:

il Ministero della Salute afferma che tutti i vaccini offerti dal programma di immunizzazione nazionale (PIN) sono sicuri e non v'è alcuna evidenza nella letteratura nazionale ed internazionale che può causare la microcefalia. Il NIP è responsabile della trasmissione delle condizioni immunobiologiche che fanno parte dei programmi di immunizzazione. Uno degli strumenti essenziali per il successo dei programmi di immunizzazione è la valutazione della qualità immunobiologica. Il controllo di qualità dei vaccini viene effettuato dal laboratorio di produzione secondo criteri standardizzati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Dopo l'approvazione nella produzione di test di controllo di laboratorio, ogni lotto di vaccino viene sottoposto ad analisi presso l'Istituto nazionale per il controllo della qualità della sanità (INCQS) del Ministero della Salute. Dal 1983, un sacco di prodotti biofarmaceutici campione acquisito dai programmi ufficiali di vaccinazione

È importante ricordare che, a prescindere da tutte queste precauzioni, così come i farmaci, nessun vaccino è totalmente privo di eventi avversi, ma il i rischi di gravi complicazioni causate dai vaccini sono molto inferiori a quelli delle malattie che proteggono. In Brasile, gli eventi avversi associati alla vaccinazione sono seguiti da System Adverse Event di sorveglianza post-vaccinazione / SIAPV che si propone di valutare il rapporto rischio-beneficio di continuare l'uso di prodotti biofarmaceutici pure, permettendo il monitoraggio della di notifiche / indagini in tempo reale a tutti e tre i livelli di governo. È interessante notare che non ci sono riportati in questo sistema di notifica su microcefalia correlato alla vaccinazione pure, non v'è finora nella prova nazionale e internazionale letteratura medica sulla associazione tra uso di vaccini con microcefalia.


IUD: quali sono i vantaggi, gli svantaggi e come viene messo

IUD: quali sono i vantaggi, gli svantaggi e come viene messo

La spirale sigla significa dispositivo intrauterino e si riferisce al metodo contraccettivo in cui una piccola astiforme Y è collocato all'interno dell'utero . questa piccola asta è per un po 'nel grembo materno (che vanno da 5 a 10 anni) e rilascia sostanze che rendono l'utero un luogo ostile per lo sperma, impedendo che feconda l'ovulo.

(Salute)

Il caffè può proteggere le donne dal cancro al seno

Il caffè può proteggere le donne dal cancro al seno

Il caffè può proteggere le donne da una forma aggressiva di cancro al seno, soprattutto se prendono cinque o più tazze al giorno, secondo una ricerca pubblicata in Ricerca sul cancro al seno Le donne che bevono molto possono avere minori probabilità di sviluppare un cancro al seno con recettori estrogeni negativi che non rispondono a determinati farmaci.

(Salute)