it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Dedizione ai bambini è più difficile per i genitori con famiglie numerose

Dedizione ai bambini è più difficile per i genitori con famiglie numerose

Mick Jagger, il cantante della più grande rock band di tutti i tempi , è famoso per i suoi innumerevoli figli di relazioni diverse. Ha avuto sette figli con quattro donne. Tuttavia, per quanto questa realtà sembri Hollywood, avere figli da più di una relazione sta diventando più comune. Le persone si separano più spesso e si risposano molto più spesso. Recentemente, l'Istituto Brasiliano di Geografia e Statistica IBGE ha pubblicato un sondaggio sull'aumento del numero di divorzi e matrimoni tra il 1984 e il 2007. Secondo il sondaggio, è stato riscontrato che il tasso di divorzi nel paese è aumentato del 200%. Tra il 2006 e il 2007, il numero dei matrimoni è aumentato del 2,9% e l'anno scorso sono stati concessi 179.342 divorzi. Una nuova famiglia e nuovi figli sono nati, il che non esclude la responsabilità per i figli dei precedenti matrimoni.

Genitori completi

Mick Jagger - Foto: Getty Images

La paternità può essere completamente indipendente dal matrimonio. Tuttavia, possono sorgere molte domande nel tentativo di riconciliare la genitorialità dei figli che sono il frutto di relazioni diverse. Uno è la distanza dai bambini. Molte volte, padre e figlio non vivono nella stessa città, stato e persino paese. Lucas, il figlio di Mick Jagger con la presentatrice Luciana Gimenez, di Rede TV!, Vede suo padre ogni due mesi. Questo perché il cantante dice di essere un padre dedicato. Molti genitori semplicemente non si preoccupano di distribuire il loro tempo tra i bambini e la vita privata, che può finire per generare dolore e insuccesso nello sviluppo emotivo del bambino. Quando i bambini si rendono conto che i loro genitori sono separati, non c'è quasi una piena comprensione di ciò. "Una idea frequente è che la famiglia è finita e che il padre che non vive con lei non è più suo padre, se non è abbastanza presente", spiega la psicologa Marina Vasconcelos. Quindi, i genitori dovrebbero chiarire non solo con le conversazioni, ma anche con gli atteggiamenti che interpreterà il ruolo di genitore.

Imparare con la differenza

Bambini - Foto: Getty Images

I genitori dovrebbero combinare un frequenti visite e regrading, in modo che il bambino senta la sua presenza nella loro vita quotidiana. Tuttavia, quando l'uomo è il padre di figli di varie relazioni, questo può sollevare altre domande, perché il bambino potrebbe dover vivere con il fratellastro e la matrigna. "È positivo che il bambino viva con i suoi fratelli, ma questa decisione deve essere condivisa dalle madri. Allo stesso modo, vivere con la matrigna è anche una decisione che deve essere condivisa con la madre del bambino", dice lo psicologo Unifesp, Mara Pusch.

La relazione del bambino con i fratellastri può avere un lato molto positivo, che va oltre quello dei fratelli che vivono insieme: vivere con differenze. "Le diverse creazioni della madre fanno sì che il bambino abbia altri" bagagli "culturali e esperienze di vita", afferma Marina Vasconcelos. Quando c'è una buona relazione tra padre e figli, che consente questa integrazione, i bambini devono solo vincere, perché accettano le differenze più facilmente.

Madre e matrigna: ognuno ha un ruolo

Professor Rodrigo Rios Dice che ha avuto alcuni problemi da risolvere come sarebbero le sue visite al figlio, Felipe, di sei anni. "Mia madre non gli avrebbe permesso di venire a casa mia nel momento in cui l'ho visto, perché non volevo che vivesse con la mia attuale moglie, sostenendo che Felipe non era abbastanza grande per capire la situazione. l'altro mio figlio, un anno, a seguito dell'attuale matrimonio, visse con Felipe, rispettiamo entrambe le decisioni, ma dopo una lunga conversazione ", dice Rodrigo.

Dalla parte della matrigna, che è anche madre, ci deve essere pazienza. "Il partner deve capire e rispettare i momenti che il padre ha con il bambino, perché sono essenziali per la formazione del bambino e il benessere del padre, che finisce per contribuire al successo della relazione d'amore", spiega Mara. In effetti, molti rapporti scendono a causa della relazione delle matrigne con i figli del compagno. C'è la situazione in cui la madre mette il bambino contro il padre, per evitare la convivialità. Tuttavia, viene creata la cosiddetta alienazione parentale, una situazione grave che può portare il professionista a perdere la custodia del bambino in questione.Nel disegno di legge che definisce l'alienazione parentale, troviamo: "è considerato un atto di alienazione parentale l'interferenza nella formazione psicologica del bambino o dell'adolescente, promossa o indotta da uno dei genitori, dai nonni o da coloro che hanno il figlio o l'adolescente sotto l'autorità, la custodia o la supervisione, per ripudiare un genitore o causare pregiudizio alla creazione o al mantenimento di legami con lui ". Questo è ancora più importante quando il padre vive con uno dei bambini e l'altro no. Se il bambino che non vive con lui non ha una piena convivenza con il padre, potrebbe esserci un senso di rifiuto e di gelosia nei confronti del bambino. "Il bambino può finire per sentirsi meno amato della matrigna e del fratellino, e in molti casi provare per la madre che non è più sposata con suo padre."


L'allattamento al seno diminuisce le possibilità di morte improvvisa nei neonati

L'allattamento al seno diminuisce le possibilità di morte improvvisa nei neonati

L'allattamento al seno può ridurre il rischio di morte improvvisa tra i bambini mentre dormono, secondo uno studio dell'American Academy of Pediatrics negli Stati Uniti. Secondo gli esperti, l'allattamento al seno sviluppa il sistema immunitario del bambino, proteggendolo da vari problemi. La sindrome della morte improvvisa infantile ha causato 2.

(Famiglia)

Come trattare con i bambini alla pubertà che non accettano i cambiamenti del corpo?

Come trattare con i bambini alla pubertà che non accettano i cambiamenti del corpo?

L'inizio della pubertà è segnato dai primi cambiamenti corporei, che si verificano nella tarda infanzia e nella prima adolescenza. Tutti sanno che lo faranno, ma nessuno sa quando inizieranno. È abbastanza comune per l'adolescente sentirsi a disagio e imbarazzato da questo nuovo corpo che non identifica come suo.

(Famiglia)