it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

20% Dei bambini con complicazioni Zika ha microcefalia

20% Dei bambini con complicazioni Zika ha microcefalia

Lo studio brasiliano - Microcefalia e la storia delle macchie rosse durante la gravidanza sono criteri insufficienti per identificare le conseguenze dell'infezione da virus Zika nei neonati.

Il risultato è parte di uno studio commissionato dal Ministero della Salute, pubblicato mercoledì (29) dalla rivista scientifica britannica The Lancet. I risultati dello studio suggeriscono che i segni e sintomi di disturbi neurologici sono inclusi come criteri per lo screening dei neonati, a prescindere dalla presenza o assenza di microcefalia.

Lo studio è stato fatto in collaborazione con l'Università Federale di Pelotas (UFPel), il Società brasiliana di genetica medica, il centro latinoamericano per la perinatologia dell'Organizzazione sanitaria panamericana (PAHO / WHO) e l'Università di Harvard, Stati Uniti. Sono stati analizzati un totale di 1.501 nati vivi, che erano già stati investigati dalle segreterie statali e municipali, e questo è il più grande studio mai fatto sull'argomento nel mondo.

Lo studio mostra che, su ogni cinque bambini con infezione congenita da virus Zika - confermati o probabili - uno non ha presentato microcefalia, indicando che l'80% dei bambini sono stati catturati utilizzando la ricerca utilizzando la microcefalia e criteri rash. ? Stiamo adattando i nostri protocolli a queste scoperte per ampliare le indagini e migliorare il nostro sistema di sorveglianza. In questo momento, il Brasile e il mondo hanno accumulato più conoscenze sulla malattia e possiamo, con questo apprendimento, migliorare il monitoraggio delle conseguenze dell'infezione congenita da parte del virus Zika ?, ha spiegato il coordinatore generale della sorveglianza e della risposta alle emergenze in sanità pubblica, il Ministero della Salute, Wanderson Oliveira.

, all'inizio delle indagini epidemia nel mese di novembre 2015, il Ministero della Salute ha adottato una definizione di caso più sensibile per identificare la microcefalia, con il criterio della circonferenza della testa 33 cm per il nuovo nato da entrambi i sessi. Questa definizione è stata successivamente modificata in 32 cm. L'adozione di queste definizioni più sensibili ci ha permesso di identificare che il 20% dei bambini con qualche condizione di importanza clinica non presentava microcefalia. Pertanto, questo è un aspetto importante da considerare al fine di regolare il modello di sorveglianza della Microcefalia per i cambiamenti congeniti.


Malattia infiammatoria intestinale: è possibile avere la qualità di vita

Malattia infiammatoria intestinale: è possibile avere la qualità di vita

Ricevere una diagnosi di malattia infiammatoria intestinale (IBD ) non è una notizia facile. Le IBD più frequenti sono la malattia di Crohn e la colite ulcerosa. In generale, le malattie infiammatorie croniche intestinali causano sintomi che possono interferire con la convivenza sociale. Per parlare di questo argomento, abbiamo parlato con la gastroenterologa Marta Brenner, presidente nazionale dell'Associazione nazionale della malattia di Crohn e della colite, e con gastroenterologo Andrea Vieira, capo della Clinica Santa di Gastroenterologia Casa de São Paulo e professore presso la Facoltà di Scienze mediche di Santa Casa de São Paulo.

(Salute)

Pap aumenta la probabilità di cura del cancro del collo dell'utero

Pap aumenta la probabilità di cura del cancro del collo dell'utero

Fare test Pap test può salvare la vita di migliaia di donne con cancro cervicale o cancro cervicale, secondo uno studio pubblicato online sul British Medical Journal (BMJ). I ricercatori della Università di Uppsala Centro per la ricerca e lo sviluppo in Svezia hanno coinvolto 1.230 donne seguite per otto anni dopo la diagnosi della malattia.

(Salute)