it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

La chirurgia del diabete di tipo 2 è in grado di curare la malattia

La chirurgia del diabete di tipo 2 è in grado di curare la malattia

Il termine obesità patologica è noto per riferirsi al grasso corporeo eccessivo, che si traduce in salute. Sono individui con un indice di massa corporea (BMI = peso / altezza²) superiore a 35 kg / m² con malattie associate o superiore a 40 kg / m² (IMC normale tra 19 e 24,9 kg / m², sovrappeso 25, da 1 a 29 9 kg / mq).

chirurgia bariatrica, noto anche come chirurgia bariatrica o stomaco riduzione più comunemente, incontra tecniche con supporto scientifico per il trattamento dell'obesità e delle malattie associate con grasso corporeo in eccesso o aggravati da lui come il diabete mellito di tipo 2 (T2DM), l'ipertensione, l'artrosi, l'infertilità, l'apnea notturna, ecc. La chirurgia bariatrica ha oltre 40 anni di uso sicuro in Brasile e le forme più efficaci di trattamento per la perdita di peso a lungo termine quando i trattamenti clinici falliscono è senza dubbio

. Ma un nuovo concetto ha attirato l'attenzione dei medici: l'obesità maligna. Questi individui possono avere un IMC a circa 30 kg / m², caratterizzati da lieve obesità, ma soffrono di malattie aggravate dal sovrappeso, in particolare diabete e ipertensione. Questi sono casi in cui la gravità delle malattie associate non è direttamente correlata all'IMC. Più della metà dei diabetici non sono morbosamente obesi e ci sono meccanismi di controllo della malattia inizialmente indipendenti dalla perdita di peso, la chirurgia bariatrica è uguale alla chirurgia per il diabete mellito di tipo 2 o metabolico? La risposta è no!

Dall'individuazione di diabetici patologicamente obesi che avevano i loro livelli di glucosio nel sangue normalizzati dopo chirurgia bariatrica (per l'obesità) senza relazione diretta con la perdita di peso, ma attraverso meccanismi che agiscono direttamente sul diabete di tipo 2 ha iniziato una serie di studi clinici per valutare la fattibilità di eseguire questo tipo di intervento chirurgico in pazienti diabetici non obesi.

i risultati hanno mostrato che i pazienti con condizioni cliniche di carenza nella funzione del pancreas di produrre insulina, resistenza del tessuto d'azione insulina lottando per mantenere il trattamento farmacologico, può beneficiare di un trattamento chirurgico, sta creando quindi la definizione di chirurgia metabolica o la chirurgia del diabete di tipo 2 può essere definito che gli interventi sul tubo digerente che ha il controllo del diabete di tipo 2 quasi che subito dopo l'operazione, attraverso diversi meccanismi diretti contro la malattia, inic non correlate alla perdita di peso, sono chiamate operazioni metaboliche, dove la perdita di peso a lungo termine è un eccellente effetto collaterale. Gli interventi chirurgici bariatrici sono quelli indicati per quegli individui che hanno complicazioni dovute a peso elevato, come malattie articolari, ernie del disco, reflusso acido dallo stomaco all'esofago e così via. interventi metabolica o diabete ha come obiettivo primario il controllo del diabete di tipo 2 e delle sue complicanze non ha nulla a che fare con BMI del paziente, ma con gravità e controllo inadeguato di DMT2, indipendentemente dal BMI, sia sopra o sotto 35 kg / m².

Indicazioni per l'intervento chirurgico di tipo il diabete di chirurgia metabolica o diabete si occupa in primo luogo con diabete di tipo 2 e le condizioni che si uniscono, come l'ipertensione, colesterolo e trigliceridi alti. 2

Nel caso di individui obesi, importanti studi hanno dimostrato l'efficacia di chirurgia bariatrica, che riduce significativamente i rischi di complicazioni e lo sviluppo del diabete nel corso degli anni. Solo il 10% dei pazienti operati sviluppa la malattia nei 10 e 15 anni dopo l'intervento, contro il 95% dei pazienti non operati che seguono programmi di controllo della malattia non chirurgici. E fondamentalmente, diversi studi epidemiologici hanno mostrato una diminuzione fino al 92% nella mortalità correlata al diabete nel gruppo operato, in un follow-up fino a 16 anni.Per quanto riguarda la chirurgia nei diabetici morbidamente non obesi, i risultati sono anche promettenti. La mortalità nei diabetici è prevalentemente secondaria a complicazioni cardiovascolari, e circa un anno dopo l'intervento chirurgico vi sono prove di controllo della progressione della malattia vascolare nel gruppo operato, il che suggerisce che la chirurgia correttamente indicato riduce la mortalità nei diabetici di tipo 2 sottoposti a trattamento chirurgico Il nostro gruppo di ricerca integrare il consenso che BMI preoperatoria non rivela con precisione la gravità del diabete, il suo potere di causare complicazioni e dei meccanismi di malattia. Inoltre, altri fattori come l'età, il sesso, la storia di diabete e perdita di peso post-operatorio non sono stati decisivi in ​​remissione.

Molti studi effettuati e in corso in Brasile e all'estero rafforzano le linee guida della International Diabetes Federation (IDF), che raccomanda un intervento chirurgico per i pazienti con BMI da 30 kg / m², purché siano diabetici o predisposti alla malattia e presentino rischi cardiovascolari. La linea guida, pubblicata nel marzo 2011, ha avuto il supporto di oltre 200 organizzazioni mediche da 160 paesi.

bypass gastrico è un tipo di diabete di tipo 2 Chirurgia

gli standard nazionali e internazionali limitare l'indicazione di chirurgia bariatrica e metabolica per pazienti con BMI da 35 kg / m² con patologie associate o superiore a 40 kg / m², senza la presenza obbligatoria di altre malattie. Questo criterio è stato mantenuto per 20 anni, sulla base del consenso degli Stati Uniti National Institutes of Health (NIH) e il Brasile è stabilito dal Consiglio federale di Medicina (CFM) attraverso la risoluzione 1974, del 2010.

Indicazioni per interventi metabolici, privo di restrizioni del BMI poiché l'unico parametro per l'indicazione è stato amplificato. L'agenzia di regolamentazione delle pratiche mediche britanniche (NICE) 6 mesi fa ha cambiato i suoi criteri di trattamento chirurgico per i pazienti con diabete di tipo 2 senza un adeguato controllo clinico, riducendo BMI di 30 kg / m2.

Le linee guida nazionali CFM sono vecchi sulla base di un consenso internazionale del 1991, dove non c'era la chirurgia laparoscopica, meno invasiva, e non so l'azione delle operazioni sul tratto digestivo per controllare diabete di tipo 2.

Controindicazioni di diabete di tipo 2 chirurgia

Le controindicazioni assolute per gli interventi metabolici non sono comuni. I principali sono i pazienti con diabete autoimmune (quella che l'organismo si produce anticorpi contro le cellule beta pancreatiche che producono insulina), diabete di tipo 1 e tipo 2 diabetici con malattia molto avanzata in cui il pancreas non riserva non cellule beta che (o anche chirurgia bariatrica). Altre controindicazioni sono per quelli con riserve cardiopolmonari funzionali ridotte che rendono impossibile per loro di resistere a qualsiasi intervento. in anestesia generale.

esami necessari per eseguire 2 diabete

le prove di valutazione generale per qualsiasi intervento chirurgico quali la coagulazione, emocromo, funzione renale, tra gli altri, sono sempre richiesti il ​​tipo chirurgia. Gli esami del sangue vengono anche regolarmente ordinati per stimare la riserva di cellule beta nel pancreas che producono insulina. Viene inoltre valutata la riserva cardiaca e qualsiasi segno di malattia coronarica, comune nei diabetici, viene studiato attraverso test di esercizio o scintigrafia miocardica. Il diabete è anche responsabile per le malattie dei piccoli vasi del rene, retina e nervi periferici e tutto ciò che devono essere controllati prima dell'intervento e compensati, se necessario.

Altri esami di imaging come l'ecografia e l'addome dovrebbe essere chiesto e elastografia epatica, che può aiutare nella diagnosi di fibrosi epatica dovuta al diabete. Una endoscopia digestiva alta è abitualmente richiesta poiché lo stomaco sarà parte dell'intervento.

Cura prima che la procedura

I pazienti diabetici gravemente scompensati con altissima glicemia ed emoglobina glicata (misura indirettamente il livello di glucosio degli ultimi 2 o 3 mesi) è elevata, superiore al 10%, deve essere trattato ampiamente prima di essere operato .

La gastrectomia verticale è un intervento chirurgico contro il diabete di tipo 2

in pazienti sull'uso di farmaci anticoagulanti (comunemente e erroneamente noti come farmaci che fluidificano il sangue) ") li sospenderà 7 giorni prima delle operazioni.

Come viene eseguita la chirurgia del diabete di tipo 2

Le operazioni metaboliche più comunemente eseguite sono il bypass gastrico Roux-en-Y (bypass Roux-en-Y) e la gastrectomia verticale. Il secondo ha nel medio / lungo termine meno efficacia per il controllo del diabete di tipo 2. Il bypass Roux-en-Y ha immediatamente azioni antidiabetiche dirette e indipendenti di perdita di peso, che è un effetto collaterale eccellente e atteso delle operazioni. ricorda che le operazioni per il diabete, indipendentemente dal BMI del paziente, hanno come obiettivo primario il controllo della malattia.Le operazioni sono in anestesia generale mediante videolaparoscopia con 4-5 piccole incisioni che vanno da 0,5 a 1,2 cm. La durata media degli interventi chirurgici è di 45 a 60 minuti. Ovviamente nel raro evento di una complicazione intraoperatoria, queste procedure possono avere una durata più lunga. La durata media della degenza ospedaliera è di 48 ore.

Quale medico esegue l'intervento

I chirurghi generali e digestivi possono attualmente eseguire operazioni metaboliche e bariatriche, purché dimostrino una formazione nelle tecniche. sempre alla ricerca di un membro di chirurgo Società brasiliana di metabolica e Chirurgia bariatrica (SBCBM), che ha una formazione prova e essere sempre aggiornato su questo tema che ha sempre nuove scoperte dei suoi benefici.

lo SBCBM, insieme con il Collegio brasiliano di chirurghi e il Collegio brasiliano di chirurgia Digestiva, su richiesta del comitato misto del Consiglio federale di Medicina Specialties, che la chirurgia bariatrica e metabolica è stata sollevata alla pratica Area, che lo rende un sub specialità di chirurgia generale e il sistema digestivo. Alla fine del 2014, questa richiesta è stata approvata, lasciando le pratiche burocratiche finali. Questo significherà più addestrato e medici selezionati e una maggiore sicurezza per i pazienti.

dopo l'intervento chirurgico Cura

Oggi, in centri di volume elevato chirurgico e che hanno sperimentato i chirurghi, le operazioni sono relativamente veloce, della durata di 50 90 minuti. Dopo la fine, i pazienti vengono indirizzati al reparto di recupero post anestetico, dove di solito rimangono per circa un'ora. La stragrande maggioranza dei pazienti va immediatamente in camera da letto. A volte, a seconda della gravità delle malattie associate, le prime 24 ore vengono passate nell'unità di terapia intensiva (ICU). Nel nostro gruppo, la permanenza in ICU è inferiore allo 0,5%. La degenza varia da 36 a 48 ore.

La dieta post-operatorio

Di solito il paziente viene alimentato il primo giorno dopo l'intervento con dieta liquida, diviso in modo che ci sia un adattamento alla nuova vita. Con l'orientamento multidisciplinare, contando su chirurgo, clinico e nutrizionista, verranno spiegati modi e tipi di cibo rilasciati per questa prima fase. La durata della fase liquida è di 7-10 giorni, permettendo poi progredire a più cremoso dieta / incolla e intorno ai 25/30 giorni dopo l'intervento si svolge il passaggio al cibo normale.

In questo primo mese, un fatto inaudito per gli obesi di solito è il caso, che è lo stimolo all'ingestione, dal momento che c'è una sensazione di sazietà e c'è anche l'obbligo di rimanere idratati e consumare un minimo di calorie (circa 600 a 1000 al giorno). Dalla prima settimana, i pazienti post-operatori dovrebbero iniziare un'integrazione vitaminica, che è necessaria in quanto vi è meno assunzione di cibo, poiché nella gastroplastica Roux-en-Y non vi è un significativo malassorbimento dei nutrienti. Anche nelle prime 3 settimane, gli antiacidi come la ranitidina, in forma liquida, sono prescritti per ridurre efficacemente il tasso di formazione dell'ulcera nel nuovo stomaco. L'uso di questo tipo di farmaci, associato a lievi modifiche della tecnica operativa ha portato questo indice a circa l'1%. Gli analgesici sono prescritti se necessario e non nei tempi previsti e sono solitamente semplici farmaci come il dipirone e il paracetamolo. Il ritorno medio a lavorare con l'accesso videolaparoscopico (da 7 a 10 giorni dopo l'operazione) è molto più basso rispetto all'operazione convenzionale. Gli esercizi, qualunque essi siano, vengono rilasciati da 21 a 30 giorni dopo l'intervento, a condizione che l'operazione sia stata eseguita per via laparoscopica.

Una particolarità di operazioni per il diabete è che a causa dell'azione diretta antidiabetica già accennato, specialmente il bypass Roux-Y, la resistenza dei tessuti all'azione dell'insulina diminuisce immediatamente dopo l'operazione per un certo numero di cause fisiologiche inerenti alla procedura. Quindi, c'è un rapido aggiustamento delle dosi di drigas anti-diabetici e dosi di insulina. Nel nostro Centro per l'obesità e il diabete dell'ospedale tedesco Oswaldo Cruz, l'uso medio e la sospensione di insulina, indipendentemente dal BMI preoperatorio del paziente, è di 22 giorni. È da notare che la chirurgia per il diabete non hanno come obiettivo primario la sospensione di qualsiasi farmaco per il diabete di tipo 2, ma controllare rapidamente questa malattia cronica, progressiva e devastante.

Infine, le operazioni metaboliche, come indicato adeguatamente, porta con sé molti vantaggi e con un rapido recupero e un rapido ritorno alla vita normale. Insomma, qualche sofferenza per i benefici clinici incommensurabili e la qualità della vita.

Il rischio di tipo 2 il diabete di chirurgia

La mortalità dopo l'intervento chirurgico metabolica o diabete di tipo 2 per è molto piccolo. Dal momento che le operazioni sono svolte da gruppi esperti di buone dimensioni ospedali, il tasso di mortalità è 0,315% il numero paragonabile alla mortalità dopo la rimozione di una cistifellea, un'operazione banale.

Non ci sono complicazioni di queste operazioni che causano maggiori preoccupazioni postoperatorio dello shunt gastrojejunal Roux-en-Y. È la perdita della sutura con la cucitrice nella giunzione stomaco del piccolo intestino, cosiddette fistole, che si verificano ad una frequenza molto bassa, tra 0,09% e 0,1%. Per identificare questa complicazione, l'equipe chirurgica valuta abitualmente 2 e 3 volte al giorno il paziente mentre è ricoverato in ospedale. Queste complicazioni possono eventualmente anche meritano un nuovo intervento per il loro trattamento.

Altre complicazioni includono trombosi venosa delle gambe ed embolia polmonare cui rischio scende vicino allo zero utilizzando misure anti-trombosi, con le calze e sistemi di compressione .

le ostruzioni possono verificarsi all'inizio nell'intestino tuttavia sono molto rare circa 0,08% a 0,1% dopo le operazioni metaboliche ed infine sanguina nella cavità addominale, che sono inerenti ad attività di verificarsi anche in piccolissime contenuti già dallo 0.05%.

A causa delle complicazioni tardive, ci sono rare descrizioni della malnutrizione che si verificano in 1 su 1000 contatti gastro-giunzionali eseguiti. Fondamentalmente questi pazienti devono essere seguiti per le prove di controllo del diabete, anche in remissione completa.

trattamenti post-chirurgici

Più alto è il livello di glucosio nel sangue dei pazienti, meno insulina viene prodotta dal pancreas. Questo è chiamato glicotossicità. Come accennato in precedenza, il controllo glicemico dovrebbe essere eseguito con attenzione prima dell'intervento chirurgico per ottenere maggiori benefici, lo stesso ragionamento si applica nella fase postoperatoria. L'equipe medica, con chirurghi e endocrinologi, forma una squadra coesa. Entrambi lavorano insieme per glicemico rigoroso controllo post-operatorio per un risultato migliore a lungo termine, al fine di completare la remissione del diabete.

regolamento

Chi regolamenta la pratica medica in Brasile è il Consiglio federale di Medicina (CFM). Le linee guida nazionali CFM sono vecchi, sulla base di un consenso internazionale del 1991, dove non c'era la chirurgia laparoscopica, meno invasiva, e non so l'azione delle operazioni sul tratto digestivo per controllare diabete di tipo 2

. Non ci sono attualmente uno . sforzo congiunto della Società nazionale di metabolica e Chirurgia bariatrica e Endocrinologia a cercare una nuova linea guida che possono beneficiare i pazienti con diabete di tipo 2 non adeguatamente controllati con i farmaci in modo che abbiano accesso al trattamento chirurgico

consultato Fonte:

Testo redatto da Dr Ricardo Cohen, chirurgo generale e membro della brasiliana Bariatric and Metabolic Surgery Society


Diabete e obesità aumentano il rischio di malattie cardiovascolari

Diabete e obesità aumentano il rischio di malattie cardiovascolari

American Diabetes Association ) che ha provocato molte discussioni sull'impatto della perdita di peso sulla salute dei pazienti diabetici. > Questo studio, chiamato Look AHEAD (Action for Health in Diabetes), è stato condotto presso 16 centri sanitari negli Stati Uniti, riunendo oltre 5.000 sovrappeso o obesità.

(Salute)

Le persone che abusano di alcol possono influenzare lo studio

Le persone che abusano di alcol possono influenzare lo studio

Uno studio del dipartimento di psicologia dell'Università di Dalhousie in Canada dice che le persone che abusano di alcol possono convincere i loro partner a fare lo stesso. A questi risultati, gli autori hanno studiato 208 coppie di fidanzati, tutti sulla ventina. Le coppie erano almeno cinque volte a settimana e il tempo di relazione era, in media, di due anni.

(Salute)