it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

L'interruzione dell'intervallo nella dieta può aiutare a perdere peso?

L'interruzione dell'intervallo nella dieta può aiutare a perdere peso?

Oggi parliamo un po 'di "restrizione energetica intermittente". No! Non è lo stesso di "digiuno intermittente". È simile, ma non è la stessa cosa. Calmati, ti spiegherò meglio. La limitazione di energia intermittente funziona come segue: periodi di da 1 a 5 settimane di restrizione calorica sono intercalati con periodi di dieta simili a volontà. O, semplificando: periodi di dieta si alternano a periodi senza dieta (e l'assunzione di cibo completamente rilasciato)

L'idea è che, con questi interrompono blocchi nella dieta, il paziente ha periodi di "riposo metabolica", in cui sarebbe. È possibile, in teoria, attenuare alcuni dei meccanismi che vengono attivati ​​dal corpo di fronte a una significativa perdita di peso o quando c'è una notevole restrizione alimentare. Tali meccanismi agiscono per riportare l'individuo al suo peso corporeo iniziale.

È come se il corpo stesse difendendo un peso che giudica il peso corretto per te. Anche se non lo è. Teoricamente, durante un processo continuo di perdita di peso, senza tali pause, questi meccanismi di compensazione sarebbero più intensi e quindi, mantenendo il peso perso è più difficile.

Ma funziona davvero?

A Per studiare ulteriormente questa teoria, i ricercatori hanno condotto uno studio con 47 pazienti obesi che è diventato noto come lo "studio MATADOR". Nella acronimo inglese " M inimizing a daptive T hermogenesis a o D eactivating IL besity R ebound. Nella traduzione libera qualcosa come "Minimizzare la termogenesi adattiva e disabilitare il rimbalzo dell'obesità". Il titolo stesso del documento aiuta già a comprendere l'obiettivo dei ricercatori: disabilitare la cosiddetta termogenesi adattativa, uno dei meccanismi sopra menzionati che viene attivato quando si perde molto peso o quando si effettua una significativa limitazione di energia. La termogenesi adattiva è la riduzione del metabolismo basale che si verifica quando si perde peso e ciò rende difficile mantenere il peso perso.

Ritorno allo studio: metà dei partecipanti ha ricevuto una dieta convenzionale, con limitazione di energia continua per 16 settimane di fila. L'altra metà è stata sottoposta a una restrizione nella stessa assunzione di cibo, tuttavia, intercalanti periodi di due settimane a dieta con due settimane senza dieta. Tuttavia, a differenza degli altri studi in questo settore, invece di consentire una dieta gratuita, in questi intervalli la dieta è stata progettata per mantenere il peso (evitando il riacquisto del peso). Questo gruppo ha quindi ricevuto un intervento per un periodo totale di 30 settimane (otto blocchi di due settimane ciascuno di restrizione energetica intervallati da sette blocchi di due settimane ciascuno di dieta mirante ad un equilibrio ponderale). Dopo questo periodo, entrambi i gruppi sono stati seguiti senza alcuna dieta specifica per altri 6 mesi al fine di valutare la capacità di mantenere il peso perso con ogni strategia.

I risultati sono stati sorprendenti: c'era una maggiore perdita di peso nel gruppo che ricevuto la limitazione di energia intermittente (perdita di 14,1 kg, contro 9,1 kg nel gruppo di dieta convenzionale) con maggiore perdita di massa grassa e con la stessa perdita di massa magra. È possibile dimostrare una riduzione meno espressiva del metabolismo basale nel gruppo intermittente. In altre parole c'era attenuazione della termogenesi adattativa. Anche nel periodo di estensione dello studio (? Ricordate il follow-up di 6 mesi) è stato fatto minore riacquisto del peso

Conclusione:. La dieta intermittente può funzionare

Così possiamo concludere che restrizione energetica intermittente appare per alleviare alcuni dei! meccanismi che impediscono il mantenimento della perdita di peso, in particolare la cosiddetta termogenesi adattativa. Sono necessari ulteriori studi, perché non tutti i lavori eseguiti con tale tecnica mostrano lo stesso risultato.

Inoltre si prega di notare che lo studio MATADOR è stato fatto in un ambiente altamente controllato, molto diverso dal primo giorno per giorno la vita dei pazienti, in cui tra le altre caratteristiche, anche i pasti dei pazienti sono stati forniti da ricercatori che facilitano notevolmente l'aderenza al trattamento proposto. Probabilmente riprodurre tali condizioni nel mondo reale (negli uffici dei medici) non sarà il compito più facile. La restrizione alimentare intermittente è uno strumento diverso dal cosiddetto digiuno intermittente e merita ulteriori studi.

Un altro punto da sottolineare riguarda l'aspetto motivazionale di tale approccio. I pazienti si scoraggiano di fronte a una dieta "tradizionale"? mantenuto per periodi molto lunghi. Prendendo brevi pause (controllate) si può favorire l'aderenza in quanto rompe la monotonia dei continui vincoli energetici. Chi lo sa? Questo non è stato ancora dimostrato da studi clinici, ma sembra avere senso, no? Dopo tutto, chi può sopportare la stessa dieta tutto il tempo? Aspettiamo e vediamo cosa succede. Solo il tempo e i sondaggi ci diranno!

Buon allenamento!


Le bevande vegetali sono alleate alla salute

Le bevande vegetali sono alleate alla salute

Nestlé introduce un'altra innovazione sul mercato branca della nutrizione, della salute e del benessere. È NESFIT® da bere, una linea di bevande vegetali, fatta con cereali integrali. Si possono trovare nelle varietà Integral Rice e Integral Oats e, oltre a contenere cereali integrali, sono ricchi di fibre e fonte di vitamine e minerali.

(Cibo)

Dormire male contribuisce all'aumento di peso

Dormire male contribuisce all'aumento di peso

Abbiamo sempre sentito dire che è meglio dormire 7-8 ore a notte, ma dobbiamo considerare che ogni persona ha un ritmo biologico individuale, alcuni di essi sembrano buoni solo quando dormono in circa 10 a 12 ore. Il sonno ha cicli a quattro fasi e ogni ciclo dura circa 90 minuti. La privazione del sonno (REM), che è la fase in cui i sogni prevalgono, è più associata a problemi di salute, ad esempio, nell'apnea notturna.

(Cibo)