it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

SMS e computer sono più presenti nella vita dei centenari

SMS e computer sono più presenti nella vita dei centenari

Le persone con 100 anni o più stanno facendo scelte di vita diverse oggi, relazione alla salute e all'esercizio fisico, ma mediante l'attaccamento ai social network e l'adattamento alle nuove tecnologie. I dati rilasciati a Evercare da United Healthcare 100 @ 100 sondaggio di 100 americani di Evercare , uno dei più grandi programmi americani di coordinamento dell'assistenza sanitaria, hanno dimostrato che l'80% delle persone gli anziani comunicano quotidianamente con un amico o un familiare e il 75% afferma di mangiare pasti equilibrati. I risultati sono stati basati su interviste con 100 persone di oltre 99 anni. La ricerca ha dimostrato che molti centenari sono fisicamente e mentalmente attivi, persino usando iPod e messaggi di testo, e hanno anche scoperto che tre su dieci ritengono che l'attuale recessione economica sia più grave della Grande Depressione. L'indagine annulla il mito che una volta raggiunta una certa età, si perde il contatto con le ultime tecnologie. Al contrario, gli intervistati utilizzano la tecnologia per rimanere in contatto con il mondo che li circonda. Oggi ci sono circa 84.000 centenari che vivono negli Stati Uniti, e si prevede che il numero aumenti fino a 580.000 nel 2040. Un altro problema è l'aspetto comportamentale. Ad esempio, il 57% degli intervistati ha dichiarato che il golfista nordamericano Tiger Woods non sarebbe un buon ospite per condividere un pasto. Solo due anni fa, prima degli scandali adulteri dello sportivo, Woods era arrivato secondo dietro a Bill Crosby, un famoso presentatore televisivo americano, come la scelta preferita del centenario per la cena. Inoltre, il sondaggio ha rilevato che il 90% dei centenari ritiene che il volontariato creerà un paese migliore e l'89% desidera essere ricordato più come un buon genitore, piuttosto che come un buon coniuge, amico o dipendente. - L'8% dei centenari dichiara di aver inviato un messaggio di testo a qualcuno, rispetto a solo l'1% di due anni fa.

-12% afferma di aver sentito la musica su un iPod o dispositivo simile

-1% ha utilizzato un servizio di appuntamenti online.

-1% ha utilizzato YouTube e Facebook, contro il 2%.

-4% ha utilizzato Google

-1% Il

-35% dei centenari afferma che la recessione ha influito sulla loro capacità di continuare a vivere i propri piani di vita.

-75% dicono di mangiare pasti equilibrati ogni giorno.

-41% dei centenari dicono di camminare o cammina almeno una volta alla settimana, il 6% pratica il tai chi, lo yoga o la meditazione e il 2% di corsa.

-62% dice di pregare, meditare o dedicarsi ad attività spirituali

-20% dichiara di svolgere una sorta di lavoro di volontariato.

-74% si è sentito pronto a superare i 100 anni.

-47% ritiene che le loro scelte di vita siano la chiave per

il -76% crede che sia più importante mantenere abitudini di vita sane rispetto a un peso sano.

-32% mangia regolarmente alimenti biologici.

-75% ha otto o più ore di sonno

-26% pensa che i ricercatori troveranno una cura per il cancro.


Dormi bene migliora le tue prestazioni lavorative

Dormi bene migliora le tue prestazioni lavorative

Il termine "maniaco del lavoro" intendeva riferirsi a persone che sono dipendenti dal lavoro, lavorano molte ore al giorno e spesso dimenticano che ci sono altri fattori importanti nella vita. Secondo il senso comune, questo tipo di individuo, impegnandosi così tanto in un'attività, ottiene le migliori opportunità dal mercato ed è più facile essere promosso e accettato dai suoi superiori.

(Benessere)

I fumatori hanno più probabilità di soffrire di depressione, ansia e stress

I fumatori hanno più probabilità di soffrire di depressione, ansia e stress

Il fumo è legato a un senso di benessere per il fumatore. E questa affermazione è così consolidata che è difficile credere quando emerge uno studio che riguarda il fumo di sigaretta a più casi di ansia e depressione. E questo è quanto dimostra un recente studio del University College London e British Heart Foundation , pubblicato nel marzo 2015.

(Benessere)