it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Quanto è sicuro lo sbiancamento dei denti?

Quanto è sicuro lo sbiancamento dei denti?

Dopo un decennio di ricerche, i metodi di sbiancamento si sono dimostrati sicuri ed efficaci. Diversi prodotti disponibili oggi sul mercato non hanno presentato reazioni avverse a denti o gengive dopo lunghi test clinici e di laboratorio. Assicurati di cercare prodotti clinicamente testati, segui le indicazioni e consulta un dentista.

In passato, concentrazioni più elevate di ingredienti sbiancanti utilizzati in ufficio hanno prodotto una maggiore sensibilità. Tuttavia, oggi con i gel sbiancanti ben conservati, la sensibilità non è più un problema. Può verificarsi dopo le procedure di sbiancamento, soprattutto quando gli individui mangiano cibi caldi o freddi, ma di solito scompare dopo 48 ore e cessa completamente con la fine del trattamento.

Se hai sensibilità, ci sono diversi modi per aiutare ad eliminare -la:

  • Se si utilizza un applicatore vassoio, utilizzarlo per un tempo più breve. Spazzolare i denti con un dentifricio per denti sensibili che contengono citrato di potassio, che aiuta a calmare terminazione nervosa.
  • Parte un prodotto con fluoro ad un dentista o il farmacista, che assiste in rimineralizzazione dei denti. Applicare il fluoruro sui denti, o metterlo in barra per quattro minuti prima e dopo lo sbiancamento.
  • Interrompi sbiancamento dei denti per alcuni giorni al fine di consentire loro di adattarsi a questo processo.
  • All'interno 24 ore la sensibilità diminuirà.

In alcuni casi, il dentista potrebbe scoraggiarti dallo sbiancamento dei denti:

  • In caso di malattie gengivali, denti con smalto consumato, cavità o denti sensibili in particolare.
  • Se sei incinta o allatti al seno.
  • Se hai corone, giacche o altri tipi di restauri sui denti anteriori che non possono essere eliminati.


    Ministero della Salute chiarisce rapporto larvicida pyriproxifen con microcefalia

    Ministero della Salute chiarisce rapporto larvicida pyriproxifen con microcefalia

    Secondo il Ministero della Salute non ci sono studi epidemiologici che mostrano l'associazione tra uso di larvicida pyriproxifen e microcefalia. Il Ministero della Salute utilizza solo larvicidi raccomandati dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS). Pyriproxyfen è uno dei prodotti approvati da questo comitato ed è anche certificato da Anvisa (Agenzia nazionale per la sorveglianza sanitaria), che valuta il Contrariamente al rapporto tra il virus Zika e la microcefalia, che è già stato confermato in test che indicano la presenza del virus in campioni di sangue, tessuti e liquido amniotico, l'associazione tra l'uso di pyriproxyfen e microcefalia non ha basi scientifiche.

    (Salute)

    Calcoli renali: come eliminare e prevenire?

    Calcoli renali: come eliminare e prevenire?

    Prima di poter prevenire la comparsa di un calcolo renale devi capire che possono verificarsi in qualsiasi fase della vita, anche nei bambini. Sono legati a molti fattori, come ad esempio le cattive abitudini alimentari, oltre a una predisposizione genetica. Cause Le cattive abitudini alimentari possono essere presenti fin dall'infanzia.

    (Salute)