it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

Scegliere una buona crema solare e lasciare la pelle protetta questa estate

Scegliere una buona crema solare e lasciare la pelle protetta questa estate

è molto probabile che quando si acquista una crema solare in farmacia per uso personale o per la tua famiglia lo scegli con un prezzo più attraente o un imballaggio invitante. Il problema è che senza saperlo si può essere di esporre la pelle e le loro famiglie a sostanze tossiche o un prodotto inefficiente, che non creerà alcuna barriera contro i raggi del sole.

Da uno studio, il Ambientale Working Group (EWG) ha creato una guida su ciò che dovrebbe essere evitato quando si tratta di protezione solare. Scoprilo:

1. Prodotti contenenti ossibenzene

Secondo Journal Lancet , i ricercatori affermano che non è saggio applicare l'ossibenzene a molte aree della pelle più volte, a meno che non sia disponibile altra protezione. La preoccupazione dovrebbe essere ancora maggiore con i bambini ancora in via di sviluppo.

È noto che il 97% degli americani è contaminato con ossibenzene.

Gran parte dei filtri solari sul mercato americano contengono ossibenzene. Tale sostanza penetra nella pelle, rafforzando le reazioni allergiche. Si tratta di una sostanza chimica potente che provoca cambiamenti endocrini e danni cellulari.

E 'noto che il 97% degli americani sono contaminati con oxybenzeno e la ricerca hanno consigliato il non utilizzo di bambini molto vulnerabili ai cambiamenti ormonali di sostanze chimiche.

2 . Protettori con vitamina A (retinil palmitato)

L'industria della protezione solare utilizza la vitamina A nelle sue formulazioni perché è un antiossidante che si dice che riduca l'invecchiamento della pelle. Tuttavia, la Food and Drug Administration (FDA) ha condotto uno studio che ha dimostrato che, a contatto con il sole, i protettori di vitamina A possono accelerare il tasso di lesioni e possono causare tumori. il 60% dei prodotti analizzati dal gruppo di lavoro ambientale (EWG) ha inadeguata protezione dai raggi UVA quantità.

Questo risultato è rafforzato da studi del Programma nazionale di tossicità (TNP), che, in una valutazione decennio completata nel gennaio 2011 ha rivelato che sia il retinile palmitato che l'acido retinoico accelerano lo sviluppo di lesioni e tumori cancerogeni.

Tuttavia, molte campagne cosmetiche non hanno rimosso questo ingrediente dalle creme solari e da altri prodotti per la pelle e le labbra. Protezione UVA inadeguata

Circa il 60% dei prodotti analizzati dal

Gruppo di lavoro ambientale

(EWG) aveva una quantità inadeguata di protezione dai raggi UVA. Ci sono due tipi di raggi UV dalla luce solare di cui dovremmo essere a conoscenza: UVB, che stimola la produzione di vitamina D e UVA, che causa lesioni cutanee. Sia UVA che UVB possono causare l'abbronzatura e brucia, anche se l'UVB crea un tale effetto più rapidamente. L'UVA, tuttavia, penetra nella pelle più profondamente degli UVB e può essere un importante fattore di rischio per l'invecchiamento della pelle, la comparsa di rughe e lo sviluppo del cancro della pelle. Come l'UVA è il più dannoso e più persistente per tutto il giorno, indossare una protezione solare che non lo protegge da quel raggio non porterà alcun beneficio e causerà pericoli per la salute.

4. Fattore di protezione solare molto elevato (SPF) o forma di spray

I protettori con SPF superiore a 50 forniscono agli utenti il ​​falso senso di protezione per un periodo più lungo, incoraggiandoli a rimanere esposti al sole per un lungo periodo. È consigliabile utilizzare questo tipo di protezione come se avesse un basso fattore di protezione solare. I protettori spray, a loro volta, dovrebbero essere evitati rilasciando sostanze tossiche (particelle) nell'aria che possono essere inalate.


Capire perché si dovrebbe sostenere l'esame oculistico

Capire perché si dovrebbe sostenere l'esame oculistico

Fin dalla prima infanzia alla vecchiaia, è essenziale per rendere la visita oculistica di routine, quando si valutano gli occhi, le palpebre e dotti lacrimali. L'oculista esegue numerosi test per assicurarsi che non vi siano problemi nella retina o la cornea e, se c'è, prescrivono trattamenti e lenti correttive, fornendo tutte le spiegazioni necessarie per il loro utilizzo.

(Salute)

I denti sensibili possono indicare altri problemi orali

I denti sensibili possono indicare altri problemi orali

Mia nonna diceva sempre: "Chi beve zuppa non beve acqua fredda!" L'idea che lo shock termico possa rovinarmi i denti sembra logico, ma se mia nonna avesse saputo che Petit Gateau avrebbe fatto un'eccezione. Credenza popolare ... Saggezza degli anziani ... È leggenda? Mito o verità? È vero che lo smalto conduce il calore più velocemente della dentina.

(Salute)