it.aazsante.fr

Il Più Grande Portale Della Salute E Della Qualità Della Vita.

1,6 Milioni di case sono state identificate con epidemie di dengue e virus Zika

1,6 Milioni di case sono state identificate con epidemie di dengue e virus Zika

Agência Brasil - Gli agenti Aedes aegypti hanno visitato da gennaio 48,2 milioni di immobili in Brasile, tra cui case, edifici pubblici e commerciali.

Durante le visite, sono stati identificati 1,6 milioni di proprietà con focolai di zanzare, che rappresentano il 3,36% del totale delle ispezioni.

L'obiettivo del governo è quello di ridurre tale numero a meno dell'1% degli immobili con siti di riproduzione di zanzare. Il sondaggio è stato rilasciato il 4 dalla Camera Nazionale di coordinamento e controllo per la lotta contro la dengue, Chikungunya e Zika.

In questo primo giro di visite, ispezioni hanno partecipato 266 000 agenti sanitari della comunità e 46.000 agenti controllo degli endemismi e con il supporto dei militari.

Rispetto all'ultimo bilancio della Sala di Coordinamento, pubblicato il 26 febbraio, c'è stato un aumento del 16,1% nelle visite. Finora, il 93% delle città, o 5.164 dei 5.570 comuni brasiliani, sono stati ispezionati.


Mantenere le informazioni riservate può portare a stress che può compromettere il benessere nel tempo

Mantenere le informazioni riservate può portare a stress che può compromettere il benessere nel tempo

Gli scienziati hanno poi chiesto ai partecipanti di rispondere a un questionario sul loro segreti. E scoprirono che delle 38 categorie esistenti, ogni persona aveva in media 13 segreti, di cui cinque non erano mai stati rivelati a nessuno. Per ogni segreto, gli scienziati chiedevano quanto spesso la gente pensasse a questo argomento, quanto spesso l'hanno nascosto ad altre persone e in che modo ha influito sul loro benessere.

(Salute)

Artrite reumatoide e rischio di malattia parodontale

Artrite reumatoide e rischio di malattia parodontale

Le persone con artrite reumatoide (AR) sono a maggior rischio di contrarre la malattia parodontale perché la loro mobilità limitata influenza il modo in cui puliscono e si prendono cura dei loro denti? O c'è un collegamento di base tra le due condizioni? Questo è ciò che i ricercatori tedeschi hanno esaminato in un piccolo studio pubblicato in un recente numero del Journal of Periodontology .

(Salute)